Un weekend romantico alla scoperta della città sull’acqua. Cosa vedere a Venezia?

Cosa vedere a Venezia? Un percorso tra i monumenti classici, la storia e la maestosità della città sull’acqua. Venezia è una città piena di risorse, sempre diversa; puoi visitarla quante volte vuoi e ogni volta ti lascia imbambolato dalla sua bellezza.

COSA VEDERE A VENEZIA?

1. PIAZZA SAN MARCO

L’unica piazza della città di Venezia: luminosa, lussuosa e maestosa. La piazza si apre di fronte alla Basilica di San Marco ed è circondata su due lati dalle storiche Procuratie della Serenissima e da un lato dall’Ala Napoleonica.
Piazza San Marco è conosciuta il tutto il mondo come Salotto d’Europa, proprio per la sua forma e per i numerosi bar con orchestra che si trovano sotto le arcate dell’architettura.
É il principale simbolo di Venezia, riesce a rappresentare al meglio la città. Le decorazioni d’oro della Basilica, i marmi bianchi delle architetture, i mattoni rossi del campanile, le colonne, gli archi e lo spazio aperto descrivono la vita delle famiglie veneziane della Serenissima nel 1500.Cosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The ExplorerCosa vedere a Venezia - Kiwi The Explorer 17Cosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer

2. BASILICA DI SAN MARCO

Il lungo periodo di costruzione della Basilica di San Marco, dal 600 al 1500, è responsabile del suo stile elegante ed imponente tra il romanico, il gotico e il bizantino.
L’interno è una magia, i mosaici dorati decorano pareti intere e il soffitto, comprese le cupole. I marmi bianchi delle colonne regalano luce ed eleganza ad un luogo già di per sé con un’aura di beatitudine.
Gli arredamenti, le statue e mille tesori – uno dei più importanti è la Pala d’oro- presenti all’interno sono parte del bottino della Quarta Crociata, provenienti prevalentemente da Costantinopoli.
La basilica è costruita su due ordini, quello superiore presenta una terrazza, oggi ancora accessibile, con la vista su Piazza San Marco.Cosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer

3. PALAZZO DUCALE E PONTE DEI SOSPIRI

All’epoca era la sede del Doge della Serenissima Repubblica di Venezia, il simbolo della potenza economica, culturale e commerciale della città. Un capolavoro in stile gotico veneziano, con spunti bizantini; una volume enorme che sembra sorretto da esili colonnati.
Gli interni sono ricchi di sale decorate dettagliatamente e dal grande valore storico e culturale. É una vera pinacoteca con opere di Vecellio, Veronese, Tintoretto e altri grandi artisti.
Palazzo Ducale è collegato alle carceri della Repubblica di Venezia tramite il piccolo Ponte dei Sospiri.
Un ponte corto, stretto e tutto chiuso costruito in pietra d’Istria seguendo le linee guida barocche. Il ponte ha solo due finestrelle che aprono la visuale verso la laguna; i prigionieri quando passavano il ponte vedevano per l’ultima volta la luce del sole, oggi il nome del ponte richiama i sospiri dei condannati.

Palazzo Ducale: palazzoducale.visitmuve.itCosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer Cosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The ExplorerCosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer

4. PONTE DI RIALTO

Il più antico ponte sul Canal Grande, la prima costruzione risale al 1100 mentre il ponte attuale è del 1500.  É una delle architetture più cinematografiche della città, uno dei simboli di Venezia. Ripreso in molte pellicole, quadri e opere d’arte.
Il panorama dalla sua sommità è una delle visuali più apprezzate e fotografate: la vita sul Canal Grande è sempre dinamica, passano gondole, vaporetti, taxi e i topi, le imbarcazioni per il trasporto delle merci.Cosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer Cosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer

5. PONTE DELL’ACCADEMIA

Il punto più fotografato – e oggi instagrammato – di tutta Venezia. Un ponte in legno che guarda l’inizio del Canal Grande. Un panorama definito dalla Basilica di Santa Maria della Salute, dalla facciata dorata di Palazzo Salviati e da Palazzo Venier, sede della Collezione Peggy Guggenheim.
Ai piedi del ponte si trovano l’Accademia delle Belle Arti e la Galleria dell’Accademia, principali fulcri culturali della città.

Gallerie dell’Accademia: gallerieaccademia.orgCosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer

6. ARSENALE

Uno dei punti di forza della Repubblica di Venezia era proprio la costruzione, manutenzione e riparazione delle imbarcazioni; tutte attività che si svolgevano nelle darsene interne all’Arsenale stesso.
Gli edifici e l’Arsenale stesso hanno subito molte evoluzioni negli anni, ampliamenti, ristrutturazioni e nuove costruzioni hanno dato origine all’area che possiamo vedere oggi.
Negli ultimi decenni gli spazi dell’Arsenale hanno accolto molti eventi, mostre d’arte ed esposizioni. La zona è diventata uno dei punti di riferimento internazionali soprattutto per l’arte, grazie alle esposizioni della Biennale Arte e Architettura.

Biennale di Venezia: labiennale.org/itCosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer

7. PUNTA DELLA DOGANA

Da dove vedere Piazza San Marco se non dalla parte opposta del Canal Grande? Una vista unica su una delle piazze più belle del mondo. Questo vi aspetta quando raggiungete questa parte particolare della città.
Lungo il Canal Grande si trova la Basilica di Santa Maria della Salute, una chiesa in stile barocco del 1600. Fu costruita per ringraziamento alla Madonna per aver posto fine della peste che colpì la città.
Ogni 21 novembre è meta di pellegrinaggio, molti fedeli attraversano con un ponte provvisorio il Canal Grande partendo da Piazza San Marco
Punta della Dogana è anche sede di uno degli edifici più strani di Venezia: Dogana da Mar. Progettato nel 1600, questa costruzione a pianta triangolare coronata da una torre oggi è la sede di importanti mostre d’arte contemporanea.

Punta della Dogana: palazzograssi.it/it/Cosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The ExplorerCosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer

8. TEATRO LA FENICE

Inaugurato nel 1794 e ricostruito due volte nei secoli successivi, “La Fenice” è uno dei teatri più famosi d’Italia.
I primi restauri, avvenuti in epoca napoleonica, hanno portato piccole variazioni al progetto iniziale. Nel 1996 il teatro fu soggetto ad un devastante incendio che portò alla ricostruzione completa delle sale. I lavori seguirono la logica del “com’era, dov’era”, riponendo tutti gli elementi al proprio posto e mantenendo lo stesso stile.
Il Gran Teatro La Fenice è stato la sede di numerose prime delle opere di artisti del calibro di Donizzetti, Verdi, Rossini e Prokofiev, per citarne solo alcuni.
Un luogo indescrivibile in cui  si colgono l’arte, la passione e la dedizione di chi ci lavora semplicemente guardando il palcoscenico e l’accuratezza dei dettagli.

Gran Teatro La Fenice: teatrolafenice.itCosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer Cosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The ExplorerCosa vedere a Venezia: 8 classici instancabili - Kiwi The Explorer