AmericaCanadaInterviste

Come visitare spensierati Toronto: la guida di Alice

By 23/01/2018 Gennaio 31st, 2019 No Comments

Alice ha inseguito l'arte fino a Toronto e qui si è fermata per 3 mesi. Qui trovate la risposta a 6 domande per visitare Toronto senza pensieri.

Alice Fraccaro Toronto Kiwi The Explorer120
Alice Fraccaro
Alice

20 anni
Curiosa, appassionata, amante del silenzio
Instagram

1. Qual è il periodo ideale per visitare la città?

Ogni stagione ha il suo perché. Sicuramente l’estate offre molte più possibilità anche per gli amanti dello sport, dal nuoto al ciclismo a tutte le attività che si possono fare “outdoor”. La primavera e l’autunno sono suggestivi per i loro colori, essendo una città ricca di zone verdi e di alberi, nel momento della fioritura e della caduta delle foglie diventa qualcosa di speciale! L’inverno è assolutamente magico, non si può negare, la neve e il ghiaccio rendono tutto molto surreale.

Per visitare Toronto, nonostante la sua bellezza, sconsiglierei l’inverno, specialmente il periodo da metà dicembre a metà marzo: il clima e le precipitazioni non sono da sottovalutare se ci si vuole muovere. Inoltre, se ci si vuole spostare fuori dalla città bisogna tenere conto che è quasi essenziale un’auto e che i servizi navetta per le attrazioni principali più vicine quali i parchi naturali o Niagara Falls sospendono il servizio per il periodo invernale. Perciò direi: tutto l’anno, ma non l’inverno, a malincuore!

Toronto ALice Kiwi The Explorer 2

2.Quali locali consigli per pranzi, cene o serate?

La zona dell’Entertainment District intorno al TIFF, Queen Street e Dundas Street nei pressi dell’Art Gallery sono le più frequentate e varie. Non saprei consigliare un locale in particolare, a seconda del quartiere in cui ci si trova cambiano i tipi di cucina e anche i tipi di locali!
Questi siti possono tornare utili anche per news e consigli riguardo cibi ed eventi: nowtoronto.com e blogto.com.

3. Come ti spostavi per la città?

Spesso amavo spostarmi camminando, soggiornando in una posizione più o meno centrale, ma inutile dire che è necessario dover prendere tram, bus o metropolitana per muoversi da un lato all’altro della città.
Il sistema di trasporti interno è molto ben organizzato, con l’abbonamento della TTC ci si può spostare a piacimento con qualsiasi mezzo: il settimanale costa $43,75 mentre il mensile $146,25. Un token (gettoni acquistabili in “pacchetti”) costa $3,00, ma non si può utilizzare per più corse.
Sebbene sia ben fornita anche con noleggi di biciclette e molti ne facciano uso, non la definirei una città molto “bike-friendly” per via dell’intenso traffico che rende molto pericoloso l’utilizzo dei mezzi a due ruote.

Maggiori informazioni: ttc.ca

4. Quanto deve essere pieno il portafogli per visitare Toronto senza rinunciare agli sfizi?

Direi abbastanza: Toronto è una città piuttosto costosa, ma non deve essere un motivo per scoraggiarsi!

Per fare dei piccoli esempi pratici: un pass settimanale per i mezzi pubblici costa $43,75, un abbonamento mensile per la scheda telefonica e internet costa dai $50 ai $60. Per un pasto si spendono circa $20-$30, anche se ci si può mantenere più “cheap” mangiando presso le catene come Starbucks, Mc Donalds o Tim Hortons. Generalmente il prezzo dei biglietti per le attrazioni principali va dai $20 ai $35 e anche nei supermercati i prodotti costano sempre un pelino in più rispetto ai nostri standard.
Ad ogni modo, con un po’ di attenzione, si possono contenere le spese. Una cosa insolita per noi riguardo a questioni di portafogli è che loro non usano indicare l’HST (la nostra IVA) nei prezzi esposti: quindi quando si va a pagare bisogna aspettarsi sempre un 13-15% in più rispetto al prezzo che leggiamo.

5. Quali eventi animano la città in autunno e inverno?

Da metà novembre cominciano ufficialmente le vacanze di Natale per i Torontonians, e il Tree lighting al Toronto Eaton Centre è il primissimo evento che apre le danze, seguito dall’Illuminite a Younge e Dundas Square, un festival di luci e concerti per l’accensione dell’albero di Natale in piazza.

Per l’accensione dell’albero di Nathan Philips Square viene organizzato uno degli eventi più spettacolari dell’anno: Cavalcade of Lights, una serata con musica, uno spettacolo pirotecnico mozzafiato, l’apertura della pista di pattinaggio e l’ufficiale inizio delle attività invernali.

Da vedere è la Santa Claus Parade, una lunghissima sfilata di carri mascherati, bande musicali, mascotte della città che danno il benvenuto alla slitta di Santa Claus. Se andate nel periodo giusto è impossibile non trovarcisi in mezzo, dal momento in cui coinvolge l’intera città.

Contemporaneamente alla parata dei Babbi Natale, aprono i mercatini di Natale, che restano aperti per il mese di Dicembre, e i “winter places” che restano attivi fino a febbraio/marzo: famoso è il Christmas Market nel Distillery District.

Non si devono perdere i Winter at Ontario place che ogni anno ospita un festival di luci aperto per tutti i mesi invernali, e lEvergreen Brick Works Winter Village, una suggestiva vecchia fabbrica che ospita eventi durante l’inverno.

Assolutamente singolare è la festa che i Torontonians organizzano per il solstizio d’inverno, un’occasione in cui vedere davvero unite e tutte insieme le varie culture e usanze che compongono la città: il Winter Solstice at Kensington market.

 

6. Cosa non deve mancare nella valigia per Toronto?

Io posso fare riferimento alla mia esperienza autunno-invernale: un thermos per avere con sé sempre del caffè o del tè caldo, i Torontonians ne hanno sempre uno a portata di mano! Maglie e indumenti termici, guanti e cappello, indispensabili se ci si muove dopo fine ottobre.

Pubblicato il 23/01/2018
Valentina Lovat
Scritto da:

Valentina Lovat

Scrittrice di viaggi e natura, fotografa e amante del mare.

Scrivi Un Commento